SCONCERTO PER I DIRITTI

Spettacolo
18 Ott 2019 - 20 Ott 2019
ErosAntEros
in collaborazione con Controradio


ideazione Davide Sacco e Agata Tomsic / ErosAntEros
con Silvia Pasello e Agata Tomsic
dramaturgie Agata Tomsic
regia e disegno musicale Davide Sacco
collaborazione al suono Tempo Reale
costumi Laura Dondoli
produzione ErosAntEros
in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana
in residenza presso Teatro Studio Scandicci, Teatro Era Pontedera, Tempo Reale Firenze
con il sostegno di Comune di Ravenna e Regione Emilia-Romagna
ritratto Filippo Manzini
Prezzi 12€
Quando:
18/10/2019 - 21:00–22:00
2019-10-18T21:00:00+02:00
2019-10-18T22:00:00+02:00

Due attrici, Silvia Pasello e Agata Tomsic, danno corpo alle voci della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo, alla base della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e delle legislazioni dei suoi Stati membri. Incarnano due figure metamorfiche, forse due giuristi del futuro, che si interrogano su concetti chiave quali Dignità, Libertà, Uguaglianza, Solidarietà, Cittadinanza, Giustizia, per scoprirne doppisensi e significati nascosti. Dialogano con alcuni strumenti metallici suonati da loro stesse e rielaborati dal live electronics di Davide Sacco in un’ambientazione sonora ispirata ai suoni delle miniere e delle acciaierie, su cui si fondava l’economia dell’UE alla sua nascita, quando si definiva come CECA – Comunità Europea del Carbone e dell’acciaio, ovvero un anno dopo la stipula della Convenzione dei Diritti dell’Uomo.

Che cos’è un diritto? Come viene tutelato?
Che differenza c’è tra una libertà e una costrizione?
In che modo il cittadino entra in relazione con i limiti giuridici, geografici e politici con cui è organizzata la nostra società?

Queste alcune delle domande che ci porremo entrando in relazione con il territorio dell’Area Metropolitana Fiorentina. Per farlo intervisteremo i cittadini, entreremo in dialogo con studiosi, operatori socioculturali, centri di ricerca e archivi storici. Oltre a nutrirne la creazione, parte dei materiali così raccolti confluirà nel piano video dello spettacolo, assieme alle videointerviste sulla percezione odierna dell’Unione Europea raccolte durante le precedenti fasi di residenza in Salento e in Lussemburgo, e le immagini d’attualità grazie alle quali i meravigliosi diritti protetti dalle nostre democrazie mostreranno ombre e ambiguità.

Sconcerto per i diritti è la terza tappa del progetto CONFINI che ErosAntEros ha iniziato a sviluppare a partire da novembre 2018, attraverso una serie di residenze con diversi partner internazionali, per culminare nel 2020 con la produzione di uno spettacolo finale che coinvolgerà  alcuni dei collaboratori artistici incontrati durante le precedenti tappe di residenza.


Articolo 1. La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata.

Articolo 2. 1. Ogni individuo ha diritto alla vita.

2.Nessuno può essere condannato alla pena di morte, né giustiziato.

Articolo 3. 1.Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica.

2. Nell’ambito della medicina e della biologia devono essere in particolare rispettati: il consenso libero e informato della persona interessata, il divieto delle pratiche eugenetiche, il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro, il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani.

Articolo 4.Nessuno può essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti.

Articolo 5. 1. Nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o di servitù.

2. Nessuno può essere costretto a compiere un lavoro forzato o obbligatorio.

3. È proibita la tratta degli esseri umani.

Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, Nizza, 2000

IN RESIDENZA AL TEATRO STUDIO: 9 / 22 settembre – 10 / 17 ottobre 2019


BIOGRAFIA

ErosAntEros nasce dall’unione di Davide Sacco e Agata Tomsic nel gennaio del 2010.

La loro ricerca artistica manipola fonti di varia natura e linguaggi espressivi disparati, con l’obbiettivo di agganciare il teatro alla vita e fare dell’immaginazione un’arma per trasformare il reale. La Compagnia da loro guidata è composta da tutte le persone che, volta per volta, partecipano alla realizzazione dei loro progetti.

Dopo i primi lavori concentrano le proprie indagini sul ruolo dell’artista all’interno della società contemporanea, perseguendo due principali linee di ricerca: una vicina al teatro musicale e focalizzata sul rapporto tra voce e suono, l’altra fondata sull’interrogazione drammaturgica del dispositivo teatrale e sulla relazione con lo spettatore.

Nel 2015 entrano in relazione con ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione e producono all’Arena del Sole di Bologna Allarmi!, uno spettacolo sul neofascismo contemporaneo, che si avvale della collaborazione con il drammaturgo Emanuele Aldrovandi e debutta a VIE festival 2016.

La loro dedizione a un teatro impegnato che non rinuncia al valore estetico della forma prosegue negli anni successivi con 1917 – spettacolo poetico-musicale dedicato alla Rivoluzione d’Ottobre, creato su commissione di Ravenna Festival 2017, con il Quartetto Noûs e la consulenza letteraria del prof. Fausto Malcovati – e Vogliamo tutto! dedicato al Sessantotto e ai movimenti contemporanei, prodotto con TPE – Teatro Piemonte Europa e Polo del ‘900 di Torino nel 2018.

Dal 2018 dirigono POLIS Teatro Festival a Ravenna.